BENVENUTI NEL RIONE AQUILA

LA STORIA DEL PALIO DEGLI ASINI DI CAMERI

Il Palio o corsa degli Asini rappresenta ormai da molti anni l’evento più importante della Festa patronale che si svolge ogni anno a metà settembre.
Nacque nel secondo dopoguerra ad opera di un gruppo di giovani che, cavalcando gli asini delle piccole aziende agricole del paese, correvano per le vie più per divertimento che per vero spirito di competizione.
Spesso il percorso non veniva mai ultimato e gli asini, non abituati alla presenza delle persone lungo le strade, si infilavano all’interno dei cortili o si impiantavano rifiutandosi di andare avanti.
Dal 1987, con la creazione dei quattro rioni (Serpente, Pantera, Aquila e Cavallo) la corsa degli asini è diventata una vera e propria sfida. Si svolge il pomeriggio del lunedì della Festa Patronale dopo una bellissima sfilata in costume accompagnata dalla Banda Margherita e dalle diverse associazione del paese.
Gli asini, ora dei veri e propri “professionisti”, vengono montati da fantini cameresi vestiti con costumi dei colori e con i simboli dei rioni di appartenenza. Partendo da Piazza Dante, secondo la classica procedura di partenza “all’ingresso dell’ultimo asino”, corrono lungo un percorso appositamente preparato all’interno del centro storico, per tre giri consecutivi.
Gli spettatori, ormai diventati una vera e propria folla, si dispongono sia in piazza sia lungo il percorso, per poter incitare costantemente il proprio rione o asino preferito.
Come per ogni corsa che si rispetti, lungo il percorso vengono rilevate le posizioni parziali per poi darne comunicazione alla folla radunata in piazza, fino all’esplosione delle incitazioni e delle gioia al momento dell’ingresso del vincitore e delle successiva